Danie Craven divenne allenatore del Sudafrica nel 1949. Ai quarti di finale gli Springboks incontrano i padroni di casa del Giappone, reduci da una grande prestazione nei gironi avendo battuto importanti formazioni come Irlanda, Samoa e Scozia. In questo periodo gli Springboks vinsero il Tri Nations 2004, con l'ultima vittoria che risaliva al 1998. La serie con gli Springboks finì in pareggio. Il risultato finale è di 19-16. Junior Springboks tour, Jul 1932 (in Argentina), Rappresentative sportive nazionali sudafricane, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Nazionale_A_di_rugby_a_15_del_Sudafrica&oldid=107664351, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Altri stadi che sono stati utilizzati per ospitare test internazionali includono il Buffalo City Stadium di East London e il Puma Stadium di Witbank. Nello stesso anno il Sudafrica vinse il Tri Nations 1998, mentre alla Coppa del Mondo 1999 dovettero cedere in semifinale contro i futuri campioni dell'Australia. Tra i momenti principali di quel tour figura la vittoria dei sudafricani 44-0 sulla Scozia. I francesi partivano con lo sfavore dei pronostici[34] ma, eccezionalmente, riuscirono a pareggiare il primo test 3-3 grazie ad un drop di Pierre Danos a cui rispose una meta non trasformata di Butch Lochner[35] e addirittura a vincere 9-5 il secondo test di fronte ai 90.000 spettatori di Johannesburg. [9][17], Dalla metà del secondo decennio del '900 Sudafrica e Nuova Zelanda sono le due nazioni più competitive nel rugby mondiale. ", apparì come titolo di apertura nella sezione sportiva del quotidiano in lingua inglese The Sowetan, fra i più importanti in Sudafrica.[63]. di Fabrizio Graziosi per Metropolitan Magazine. [29] Quella sconfitta fu vissuta come una grossa umiliazione in Nuova Zelanda. In semifinale, la formazione sudafricana incontra il Galles, capitanata da Alun Wyn Jones. Habana ha coronato una eccezionale prestazione alla Coppa del Mondo 2007 risultando il miglior marcatore di mete, realizzandone 8. Fu Paul (Ross) a ricordarci che il plurale corretto avrebbe dovuto essere "Springbokken" ma, dopo la nostra prima partita, il Daily Mail utilizzò il nome Springboks e, da allora, questo è il nome con il quale ci identifichiamo[13]», Storicamente il termine "Springboks" identificava qualsiasi squadra di qualsiasi sport che rappresentava il Sudafrica in competizioni internazionali. Il primato del maggior numero di punti realizzati spetta a Percy Montgomery che ne ha messi a segno 893; tra l'altro fu il miglior realizzatore alla Coppa del Mondo 2007 con 105 punti che contribuirono alla vittoria finale del titolo mondiale. 'Rugby, Lo Sport Fascista! Alla Coppa del Mondo di rugby 2015 arrivò per la seconda volta la medaglia di bronzo, dopo la vittoria 24-13 contro l'Argentina nella finale per il terzo posto. [1] Le quattro partite di quel tour furono le prime disputate da team sudafricani contro squadre straniere. [92] Tuttavia Craven fu più famoso per avere reso popolare il passaggio col tuffo. Il tour del 1976 degli All Blacks in Sudafrica diede adito ad aspre polemiche. Opera sotto la gestione della South African Rugby Union ed è tra le nazionali più importanti del mondo rugbistico: ha infatti vinto tre edizioni della Coppa del Mondo ed è stabilmente entro i primi cinque posti del piazzamento World Rugby. [77] Dopo la fine dell'apartheid nel 1992 venne aggiunta una corona di protea al logo. Federazione di rugby a 15 del Sudafrica Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. La rinascita della squadra fu sancita anche dalla premiazione dell'International Rugby Board: gli Springboks furono nominati squadra dell'anno, Jack White migliore allenatore dell'anno e Schalk Burger miglior giocatore dell'anno. Nel corso di quella manifestazione, a seguito dell'abolizione dell'apartheid la crescita del tifo per gli Springboks aumentò anche nella comunità nera. Il successo alla Coppa del mondo del 2007 fruttò ai sudafricani il primo posto nella classifica mondiale IRB, posizione che mantennero fino ad agosto 2008. [76] Il ministro dell'African National Congress espresse un punto di vista condiviso da molti politici nella nazione quando disse "lo sport non può essere escluso dagli imperativi di empowerment e trasformazione". In tutto le Isole britanniche riuscirono a vincere solo 11 dei 22 incontri disputati in terra sudafricana. Il nuovo capitano nativo dello Zimbabwe, Tonderai Chavanga, stabilì il record di sei mete realizzate durante la partita,[66] superando il record precedente di Stefan Terblanche di cinque mete. Nel 2019 conquistano per la terza volta la Coppa, battendo in finale l'Inghilterra. Nella squadra maschile trovano spazio quattro giocatori provenienti dal professionismo a 15: il centro di Glasgow Mark Bennet, 16 caps in carriera con la Scozia, l’ala degli Harlequins Ollie Lindsay Hague, il terza linea degli Scarlets James Davies e l’estremo di Newcastle Marcus Watson. Cinque sono membri solamente della International Rugby Hall of Fame, due sono membri solamente della IRB Hall of Fame, e quattro sono membri di entrambe le Hall of Fame. [42] Gli springboks vendicarono la sconfitta del '56 vincendo la serie grazie a due vittorie, un pareggio e una sconfitta. La federazione di rugby a 15 del Sudafrica (in inglese South African Rugby Union o SARU; in afrikaans Suid-Afrikaanse Rugby Unie) è l'organismo di governo del rugby a 15 in Sudafrica ed è affiliata all' International Rugby Board. Proprio riguardo alla Coppa del Mondo di rugby del 1995 Clint Eastwood ha realizzato il film Invictus - L'invincibile che racconta la storia di quel mondiale ed il legame scaturito tra Mandela e Pienaar (interpretati rispettivamente da Morgan Freeman e Matt Damon). Alla chiamata della parola "novantanove" ogni giocatore dei Lions avrebbe dovuto attaccare il giocatore avversario a lui più vicino. Rugby a 15 ai Giochi della VII Olimpiade), di Australia nel 1908, di Stati Uniti nel 1920 e 1924. Botha fece il suo debutto contro i Giaguari Sudamericani nel 1980. Il presidente della SARU Oregan Hoskins considerò troppo basso il numero di giocatori di colore schierati nella Coppa del Mondo 2007,[76] e nel 2008 venne nominato il primo allenatore di colore. [86] Inoltre gli Springboks persero clamorosamente l'unica partita giocata contro il Giappone in occasione della Coppa del Mondo di rugby 2015. [25], La squadra che nel 1931-32 riuscì a conquistare il secondo Grande Slam della storia degli Springboks non fu comunque molto amata. La squadra divenne un simbolo di divisione razziale all'interno del Sud Africa e, a seguito delle prime elezioni aperte nel 1994, l'African National Congress al governo istituì una politica di trasformazione nello sport sudafricano. In quell'anno il Sudafrica terminò il Tri Nations al secondo posto, perdendo l'ultimo incontro 31-27 contro gli All Blacks. Joost van der Westhuizen, al secondo posto con 38 mete realizzate, fu invece uno dei protagonisti della Coppa del Mondo vinta nel 1995. Il soprannome "Springboks" e il logo risalgono anche al tour britannico del 1906-07. [8] Terminata la guerra, i Boeri cominciarono a diffondere il rugby, in particolar modo fra la popolazione bianca; l'Università di Stellenbosch, una delle Università più importanti di tutto il Sud Africa, divenne un centro cruciale per i futuri giocatori e amministratori di rugby. [108] Successivamente Nelson Mandela scrisse "Fu sotto la leadership ispiratoria di François Pienaar che il rugby divenne l'orgoglio dell'intera nazione. Contribuisci a migliorarla secondo le convenzioni di Wikipedia . [100] Danie Craven disse di du Preez: "A mio avviso avrebbe potuto giocare in qualsiasi posizione su un campo di rugby con uguale talento. Il bilancio al Tri Nations 2010 non fu positivo, con una sola vittoria contro l'Australia 44-31 a Pretoria. [33][45] Il test decisivo fu vinto 8-3 dagli Springboks con meta decisiva di Martin Pelser.[46]. [70] Tre anni più tardi, durante l'ultima partita del Rugby Championship 2015 disputata a Dunedin, la stessa Argentina riuscì a sconfiggere i sudafricani per la prima volta nella storia[71] relegando gli Springboks all'ultimo posto. Nel 1971 gli Springboks organizzarono un tour in Australia. Negli incontri successivi gli Springboks guadagnarono solo due vittorie, tra le quali una 21-20 contro gli All Blacks. Durante il ritiro precedente alla Coppa del Mondo del 2003 ci fu un'accesa lite tra due giocatori sudafricani: Geo Cronjé (afrikaner) e Quinton Davids (nero). Il rugby a 7 si gioca negli stessi campi regolamentari del rugby a 15 e ciascun giocatore deve quindi ricoprire una parte di campo molto larga. L'anno si concluse con due vittorie contro Argentina e Galles e una sconfitta in Francia 26-20. Tuttavia, l'organismo World Rugby ha cambiato i suoi regolamenti per proibire alle federazioni di designare una selezione Under-20 come seconda squadra. [13] [142] L'Ellis Park venne costruito nel 1928, e nel 1955 ospitò una partita tra Sud Africa e British and Irish Lions a cui assistette una cifra record di 100.000 spettatori. In quel tour la squadra sudafricana giocò 29 partite, inclusi alcuni test con le quattro Home Nations. La pressione politica sugli allenatori e amministratori di rugby per selezionare giocatori di colore è forte; 16 dei 35 nuovi Springboks selezionati dall'ex allenatore Jake White erano di colore. [67] La prima squadra, che includeva dieci giocatori di colore, vinse due volte contro il Galles e si impose anche contro l'Italia durante il tour delle due formazioni europee in Sud Africa. [102] Condusse il Sud Africa alla vittoria di una serie 3-1 contro la Nuova Zelanda nel 1976 e alla vittoria di una serie contro i Lions nel 1980 con lo stesso margine. Il loro allenatore Ian McIntosh fu esonerato dopo una serie di sconfitte subite in Nuova Zelanda per mano degli All Blacks nel 1994, nell'ottobre dello stesso anno l'allenatore Kitch Christie accettò di sostituire McIntosh. Il primo incontro registrò la vittoria dei sudafricani per 17 a 0. La nazionale sudafricana di rugby a 15 (in afrikaans Suid-Afrikaanse nasionale rugbyspan; in inglese South Africa national rugby union team) è la rappresentativa nazionale maschile di rugby a 15 del Sudafrica. Nonostante le promesse di cambiamento, continuò ad essere schierato solamente un giocatore nero durante le edizioni della Coppa del Mondo nel 1999 e nel 2003, mentre nella finale della Coppa del Mondo 2007 furono schierati i due giocatori di colore Bryan Habana e JP Pietersen. Nel tour del 1921 il Sud Africa si reca per la prima volta in Australia e Nuova Zelanda; gli Springboks si impongono 3-0 contro i Wallabies, mentre pareggiano la serie contro gli All Blacks. Nei test giocati in Europa gli Springboks persero 20-13 contro la Francia, 15-10 contro l'Irlanda e vinsero 32-10 contro l'Italia. Nel 1969 la Nazionale sudafricana di rugby a 15 si reca in tour in Europa. Il tour del 1971 in Australia, in cui gli Springboks vinsero la serie di incontri coi Wallabies per 3 a 0, viene ricordato per i disordini e le violenti proteste scatenatesi contro il regime di apartheid in vigore in Sud Africa. Questa dichiarazione scatenò aspre polemiche, con gli All Blacks che abbandonarono la cena. [110] Entrò nella International Rugby Hall of Fame due anni dopo Pienaar, nel 2007.[109]. Scommetti su questa partita e vinci con Marathonbet Scommetti su questa partita e … [94], Hennie Muller (1922 –1977), inserito nella International Hall of Fame nel 2001,[96] fu l'uomo a cui si attribuisce l'invenzione del moderno modo di gioco del numero 8. Già in precedenza internazionale sudafricano, iniziò la sua nuova carriera vincendo 4-0 una serie contro gli All Blacks. Nel 1970 gli All Blacks visitarono ancora una volta il Sudafrica. Giocarono entrambi la prima volta per gli Springboks nel 1993. Nel 1998 la squadra di Mallett riuscì a inanellare una serie record di 17 vittorie consecutive, comprese le partite del Tri Nations. Con il suo capitano François Pienaar, gestì una squadra che ottenne 14 vittorie in 14 partite. Il Sudafrica iniziò il nuovo decennio vincendo 34-31 in Galles il 5 giugno 2010. Nel 1995 il Sudafrica venne scelto come paese ospitante della Coppa del Mondo di rugby. Il 15 settembre 2018 nel rugby Championship riescono nell'impresa di battere gli All Black in casa per 36 a 34, non accadeva dal 2009. Gli Springboks ebbero quindi la meglio del Galles, sconfitto 23-19, ma in semifinale dovettero arrendersi alla Nuova Zelanda dopo una combattuta partita terminata 20-18. Tra Sudafrica e Sud America vennero disputati otto test, i sudafricani ne vinsero sette perdendone uno al Free State Stadium di Bloemfontein con il punteggio di 21-12.[54]. La nazionale di rugby a 15 femminile del Sudafrica, o Springbok Women, è la selezione di rugby a 15 femminile c.. [53] Nel 1979 un altro tour, questa volta in Francia, fu bloccato dal governo francese perché considerato inappropriato. La partita segna la continuità della nazionale sudafricana che condanna la nazionale nipponica all'uscita dal mondiale casalingo con il risultato di 26-3. Team Gran Bretagna ha annunciato i convocati maschili e femminili per il torneo olimpico di Rio 2016. Non fu un tour brillante per i britannici che persero circa la metà delle partite disputate contro squadre locali, mentre gli Springboks si imposero 2-1 nei test contro i Lions. A causa del gioco feroce e aggressivo di questi ultimi, molti giocatori avversari si infortunarono e il pacchetto degli avanti destò, ancora una volta, una grandissima impressione. [92] Dopo essersi ritirato dall'attività di giocatore, Craven divenne l'allenatore che guidò la squadra alla vittoria 4-0 nella serie di test contro gli All Blacks recatisi in Sud Africa in tour nel 1949. [30] La squadra che nel 1951-52 fece visita alla Francia e alle Isole britanniche fu considerata da moltissimi addetti ai lavori come una fra le più forti nella storia degli Springboks. L'esclusione di Gary Teichmann e le sue critiche pubbliche contro la SARU l'obbligarono a dimettersi nel 2000 con un bilancio di 27 vittorie in 38 incontri disputati. Proteste che raggiunsero il culmine con il rifiuto delle associazioni sindacali di trasporto australiane di ospitare gli Springboks in treno o in aereo. [143] Gli incontri disputati all'Ellis Park, Loftus Versfeld, o al Free State Stadium si ritiene presentino problemi fisici,[144][145] e la partita viene influenzata in diversi altri modi, come il pallone che viaggia più lontano quando viene calciato. Nel tour di fine anno in Europa si segnala la vittoria 25-14 contro l'Inghilterra, dopo due sconfitte contro Irlanda e la stessa Inghilterra. Nel 1962 le Isole britanniche, durante il tour in Sudafrica, riuscirono a vincere 16 dei 25 incontri disputati in terra sudafricana, ma non riuscirono a sconfiggere gli Springboks che li batterono in tutte e tre le partite disputate. [31], Nel tour dei British and Irish Lions del 1955 si registrarono 19 vittorie per i britannici, un pareggio e cinque sconfitte. Il tour del 1967 programmato dagli All Blacks fu cancellato dopo il rifiuto del governo sudafricano di ammettere giocatori māori della squadra neozelandese. Un evento storico per il rugby francese, visto che nei test match i Bleus francesi chiudono con un bilancio di un pareggio e una vittoria contro gli Springboks aggiudicandosi la serie. [93] Oltre a vincere il Grande Slam, Craven partecipò al tour del 1937 degli Springboks in Nuova Zelanda dove i sudafricani ottennero la prima vittoria di una serie contro gli All Blacks. I test match del 1984 contro gli ospiti dell'Inghilterra videro la vittoria dei sudafricani per 2 a 0. [64] Il tour dei British e Irish Lions del 1997 fu un trionfo per la rappresentativa delle Isole britanniche. "[99] Fu inserito nella International Rugby Hall of Fame nel 1997[100] e nella IRB Hall of Fame nel 2009. White condusse gli Springboks alla conquista del Tri Nations 2004, sei anni dopo la precedente affermazione in questo torneo, mentre il successivo tour di novembre in Gran Bretagna contro le quattro Home Nations si concluse con due vittorie (contro Galles e Scozia) e due sconfitte (contro Inghilterra e Irlanda). [77] Nel loro primo tour in Gran Bretagna e Irlanda nel 1906-07 indossarono una maglia verde e bianca, pantaloncini blu, e calze blu. [24] Il secondo test però vide la vittoria degli All Blacks per 7 a 6. [139], Si crede che gli Springboks abbiano un notevole vantaggio sulle squadre ospiti quando giocano ad elevate altitudini sull'Alto Veld. Dopo un'iniziale illusione, la squadra allenata da Eddie Jones crolla definitivamente e soccombe all'incessante gioco sudafricano. Le partite di questa serie furono così violente che una di queste è passata alla storia con il nome di "battaglia del Boet Erasmus Stadium". Il 2007 è l'anno del trionfo nell'edizione delle Coppa del Mondo ospitata in Francia. Nel 2005 gli Springboks sconfissero un imbarazzante Uruguay col punteggio record 134-3. In finale il Sudafrica incontra la nazionale inglese, fresca di un'eroica semifinale che è costata l'eliminazione alla Nuova Zelanda, vincitrice delle ultime due edizioni. I British and Irish Lions visitarono il Sudafrica nel 1980 vincendo tutti i 14 incontri disputati contro le rappresentative provinciali ma persero tre test contro gli Springboks vincendone solo uno. News - World Rugby: Syndicate link to Kiwi poisoning of '95 (Page 1 of 2), Meads lifts the lid on 1995 All Black RWC food poisoning, Race harmony is trampled as Springboks lock horns wrangle proves harmony is only skin-deep, How Nelson Mandela won the rugby World Cup, South Africa Rugby Union name former Leicester coach Heyneke Meyer as new Springboks coach, Rugby Championship: South Africa 25-37 Argentina, South Africa’s embattled coach Heyneke Meyer denies ‘racist choices’, Rugby World Cup 2015: South Africa 32-34 Japan, Rugby, Mondiali: storico Habana, eguaglia il record di mete di Lomu, Springboks keep up search for the right blend of colour coordination, Symbol of unity: the Springbok vs the Protea, Boks to wear original strip against Irish, Strains show as nation cheers on the Boks, New Springbok jersey in time for Lions tour, Most losses in a row by South Africa to New Zealand, L'archivio del ranking World Rugby è consultabile su, Head to Head summary table for South Africa, Kolbe added to Bok squad for Australasian tour, Inducted: England v South Africa (20/11/04), Rugby world mourns the great Kitch Christie, Allister Coetzee appointed as new Springbok coach, Rassie Erasmus confirmed as South Africa head coach with first Tests to come against Wales and England, Beating them at their own game: rugby, the Anglo-Boer War and Afrikaner nationalism, 1899-1948, International Journal of the History of Sport, Tours of Reconciliation: Rugby, War and Reconstruction in South Africa, 1891-1907, Tracing the development of professionalism in South African Rugby: 1995–2004, Transforming the Springboks: Re-imagining the South African Nation through Sport, The Toughest of Them All: New Zealand and South Africa: The Struggle for Rugby Supremacy, SANZAR Saga - Ten Years of Super 12 and Tri-Nations Rugby, Sport, Cultures, and Identities in South Africa, Century in Black - 100 Years of All Black Test Rugby, Fields of Praise: The Official History of The Welsh Rugby Union, Sport and games in Boer prisoner-of-war camps during the Anglo-Boer war, 1899-1902, Rappresentative sportive nazionali sudafricane, tour della nazionale italiana in Sudafrica, tour autunnale in Gran Bretagna e Irlanda, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Nazionale_di_rugby_a_15_del_Sudafrica&oldid=117371778, Voci con modulo citazione e parametro pagina, Errori del modulo citazione - citazioni con parametri ridondanti, Errori del modulo citazione - citazioni che usano parametri non supportati, Errori del modulo citazione - template Cita web senza URL, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, Voci con modulo citazione e parametro coautori, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Statistiche aggiornate al 2 novembre 2019.