A Zacinto: analisi e spiegazione. Letteratura italiana - L'Ottocento — Analisi e spiegazione dettagliata del sonetto A Zacinto di Ugo Foscolo Foscolo, Ugo - A Zacinto (2) Testo della lirica con piccolo commento a seguire sul canto d'amore per la patria lontana, che la poesia rappresenta ANALISI Verso 1: tripla negazione (nè più mai) per accentuare l'impossibilità del ritorno. ANALISI E COMMENTO DEL SONETTO A ZACINTO di Ugo Foscolo. Testo. Il testo si compone di quattordici versi, tutti endecasillabi, ripartiti in quattro strofe: le prime due sono quartine a rima alternata (ABAB, ABAB), mentre le successive sono terzine a rima invertita (CDE, CED). A Zacinto di Ugo Foscolo è uno dei più celebri sonetti dell'autore, dedicato alla sua amata terra natale. Zacinto mia, che te specchi nell’onde. Verso 3: Mio, posto dopo Zacinto accentua il senso del possesso. A Zacinto. Riassunto Analisi. A Zacinto INTRODUZIONE A Zacinto è una poesia di Ugo Foscolo, noto poeta vissuto tra il 1778 ed il 1827, tratta dai Sonetti, una raccolta di dodici componimenti pubblicati a Milano nel 1803. Anche nel sonetto “A Zacinto” l’elemento materno è fortemente presente e domina l’intera struttura: è rappresentato simbolicamente dall’acqua. Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi ... (1814) e critici, tra cui i Saggi sul Petrarca (1821) e il Discorso sul testo della Divina Commedia (1825), di penetrante modernità. I temi affrontati sono l’esilio e quindi l’amore per la patria lontana, la sepoltura illacrimata e il ricordo dei personaggi classici. Tu non altro che il canto avrai del figlio, o materna mia terra; a noi prescrisse il fato illacrimata sepoltura. Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell’onde del greco mar da cui vergine nacque. A Zacinto di Ugo Foscolo: testo e parafrasi. A ZACINTO Ugo Foscolo (Poesie – Sonetto IX) Il sonetto A Zacinto venne composto a Milano tra il 1802 e il 1803 ed è dedicato a Zacinto (adesso chiamata Zante), l’isola greca delle ionie dove Foscolo nacque. Col suo primo sorriso, onde non tacque. Il sonetto “A Zacinto” è stato composto da Ugo Foscolo tra il 1802 e il 1803. A - IL LIVELLO TEMATICO Zacinto, per Foscolo, non è soltanto un luogo materiale da cui è lontano, ma è soprattutto un luogo dello spirito cui egli è legato per sempre e verso il quale è nostalgicamente proteso. Si tratta infatti del dolore dell’esilio. Informazioni sulla fonte del testo Citazioni di questo testo E tu ne' carmi avrai perenne vita: In morte del fratello Giovanni [p. 115 modifica] III. Zacinto mia, che te specchi nell'onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde ... Nel testo è evidente la contrapposizione tra l'eroe classico, il cui percorso ha un approdo ed una meta e l'eroe romantico, che sconfitto, è condannato all'esilio infinito. C’è una serie di indizi che suggeriscono la possibilità di una lettura profonda, non esplicita, del sonetto. Del greco mar, da cui vergine nacque . Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell’onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l’inclito verso di colui che l’acque cantò fatali, ed il diverso esiglio per cui bello di fama e di sventura baciò la sua petrosa Itaca Ulisse. Essa, in quanto genera la vita, da essa è nata Venere ( “nell’onde/del greco mar da cui vergine nacque/ Venere”), è paragonabile infatti alla madre. nell’Ortis – non si sovrappongano in questo testo più sistemi di significazione. Zacinto mia, che te specchi nell'onde del greco mar da cui vergine nacque Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l'inclito verso di colui che l'acque cantò fatali, ed il diverso esiglio per cui bello di … 1) Localizzazione: inserisci qui da dove è tratto il testo; parla anche dell’autore e del movimento letterario nel quale è collocato (trovi tutto sull’antologia). Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l’inclito verso di colui che l’acque Venere, e fea quelle isole feconde. Soprattutto il commento A Zacinto appare molto struggente per il tema che è trattato e che è quello foscoliano per eccellenza. A Zacinto INTRODUZIONE A Zacinto è una poesia di Ugo Foscolo, noto poeta vissuto tra il 1778 ed il 1827, tratta dai Sonetti, una raccolta di dodici componimenti pubblicati … Zacinto, detta anche Zante, è … Testo. Testo del sonetto “A Zacinto”. Venere, e fea quelle isole feconde col suo primo sorriso, onde non tacque le tue limpide nubi e le tue fronde l’inclito verso di colui che l’acque. Né più mai toccherò le sacre sponde ove il mio corpo fanciulletto giacque, Zacinto mia, che te specchi nell’onde del greco mar da cui vergine nacque. A Zacinto risponde alla forma metrica del sonetto. In questa pillola ne analizzeremo il testo, le figure retoriche e il significato. Il testo si compone di quattordici versi, tutti endecasillabi, ripartiti in quattro strofe: le prime due sono quartine a rima alternata (ABAB, ABAB), mentre le successive sono terzine a rima invertita (CDE, CED). L’inclito verso di Colui che l’acque . Il titolo della poesia è chiaramente una dedica: A Zacinto identifica subito il fatto che il poeta scrive una poesia dedicata a Zacinto, appunto. A Zacinto risponde alla forma metrica del sonetto. Tu Zacinto non avrai altro che la poesia del tuo figlio, a noi il destino ha ordinato una sepoltura senza lacrime (ossia una sepoltura in terra straniera, senza il pianto delle persone care). cantò fatali, ed il diverso esiglio Le tue limpide nubi e le tue fronde. In A Zacinto (1802-1803), il tema è quello tipicamente foscoliano dell'esilio, qui legato alla rievocazione mitica della propria isola natale. Il commento A Zacinto in riferimento al noto componimento poetico di Ugo Foscolo è uno dei più belli che si possono trovare, fra le risorse a disposizione per gli studenti. 2 sacre: l’aggettivo si carica di significati, per quanto relegati - conformemente all’ideologia del Foscolo - ad una posizione tutta immanentistica e laica.Le rive di Zacinto sono sacre in quanto hanno assistito alla nascita di Venere, ma anche, più genericamente, perché Zacinto si colloca in Grecia, patria di miti e della bellezza, e perché egli ebbe modo di trascorrervi la fanciullezza. A Zacinto è uno dei più importanti sonetti di Ugo Foscolo (1778-1827), poeta italo-greco a cavallo tra il classicismo e il preromanticismo. Testo. Cantò fatali, ed il diverso esiglio. Zacinto si collega infatti sistematicamente all’immagine di Venere, all’idea dell’acqua, della fecondità, nonché della maternità. Analisi del testo della poesia "A Zacinto" di Ugo Foscolo con parafrasi dettagliata, commento, figure retoriche e schema metrico Accedi Naviga tra gli autori delle letterature Scorri la lista degli autori più famosi di ogni singola letteratura e naviga tra le loro opere più note. UGO FOSCOLO. Il sonetto foscoliano tratta il tema dell'esilio; rivolgendosi alla sua terra natale, l'isola di Zacinto {ora Zante}, l'autore afferma che mai più potrà tornare in … Diversamente da Ulisse, che riuscì infine a ritornare alla sua amata Itaca, il poeta sa che il ritorno a Zacinto gli sarà impossibile, dato che sarà sepolto in terra straniera, a zacinto foscolo testo Per facilitare la comprensione della parafrasi di A Zacinto, ecco il testo della poesia con i versi numerati: Né più mai toccherò le sacre sponde Letteratura italiana — A Zacinto di Ugo Foscolo: testo, parafrasi, commento e figure retoriche di uno dei più celebri sonetti dell'autore, dedicato alla sua amata terra natale….